I kit per sigarette elettroniche: la guida

Per iniziare ad usare la sigaretta elettronica e provare a smettere di fumare o semplicemente sostituire la classica sigaretta con un nuovo ed innovativo strumento per fumatori, è consigliabile acquistare degli starter kit per e-cigarettes.

Come sono i kit delle sigarette elettroniche

I kit per sigarette elettroniche solitamente comprendono diversi accessori per cominciare ad assaporare il piacere dello svapo: atomizzatore, sigarette elettronica, caricabatteria usb, manuale d’uso. Gli starter kit possono differenziarsi in base al prezzo, al numero degli accessori, alle caratteristiche tecniche e al design. Per orientarsi nella scelta del kit per e-cigaretteres e acquistare il più adatto alle vostre esigenze, è opportuno conoscere come si compongono i kit e come funziona una sigaretta elettronica. Se si è inesperti o principianti, in ogni starter kit è presente un manuale d’uso per aiutarvi nell’assemblaggio della sigaretta elettronica step by step.

La sigaretta elettronica o e-cig è composta da una batteria, un atomizzatore, una cartuccia, un led e un beccuccio ed ha un funzionamento meno complesso di quanto sembra. I primi modelli di e-cig erano molto simili nelle forme alle tradizionali sigarette, con il tempo il design si è evoluto e si possono trovare dispositivi di ogni dimensione, colore e decorazione. Il componente più importante di una sigaretta elettronica è l’atomizzatore che si trova in un comparto posto nella parte centrale; è formato da un conduttore metallico a forma di bobina, che riscaldandosi, nebulizza il liquido presente nella cartuccia favorendo la vaporizzazione.

La scelta del kit migliore

Nella scelta di un kit per sigarette elettroniche è possibile scegliere tra diversi tipi di atomizzatore in base al tipo di aspirazione che si è soliti effettuare: tank o dripping, il primo è adatto a fumatori che sono soliti aspirare eseguendo una leggera pressione dell’aria nella bocca emettendo poco vapore, mentre la seconda tipologia è indicata per chi predilige aspirazioni intense con grandi emissioni di vapore. I kit per e-cigarettes si differenziano soprattutto in base al tipo di atomizzatore montato: a lametta, a wicks, a wicks con cleromizzatore, con lanetta e serbatoio tank; in questi modelli vengono utilizzate diverse resistenze per riscaldare il liquido e possono presentare un serbatoio tank trasparente. La scelta dell’atomizzatore presente nel kit viene determinata dal prezzo, dalle dimensioni del serbatoio e dalla regolazione del flusso d’aria.

Nel kit per sigaretta elettronica sono sempre presenti diverse resistenze, in generale se la resistenza è rigenerabile ne sarà presente solo una, mentre se non è rigenerabile nei kit ve ne sono diverse. La resistenza non rigenerabile dura in media 3 o 4 settimane, mentre quella rigenerabile deve essere sostituita ogni 3-4 giorni ma ha costi davvero contenuti. Gli ultimi componenti presenti nel kit per sigaretta elettronica sono la batteria e il caricabatteria. In generale, nei kit è presente solo una batteria, ma in alcuni modelli è necessario acquistarla separatamente. Il caricabatteria presente nella confezione è solitamente un cavo usb da collegare ad altri dispositivi o un alimentatore da parete.

Per chi inizia ad usare la sigarette elettronica è sempre opportuno acquistare un kit completo, e solo in seguito comprare i singoli componenti, così da poter utilizzare senza difficoltà e immediatamente l’e-cigarette.

Se vuoi ulteriori informazioni per scegliere il kit migliore per le tue necessità, puoi leggere anche questo approfondimento: Scelta della migliore sigaretta elettronica: la classifica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *